01/06/17

UN MISTÎR AL LIMIT DAL IMPUSSIBIL



Italo Calvino al diseve che il passaç di un test leterari intune altre lenghe al pretint ogni volte une sorte di miracul, e al è dificil di fâ miracui se no si metisi in zûc, cun umiltât, cence egoisim e cence vanitât. Un mistîr al limit dal impussibil. Al è stât ancje dit che il tradutôr al è come il psicoanalist: l'unic che al capissi a fonts un scritôr, bon ancje di imbrucjâ sintiments platâts, ambiguitâts, debolecis. In soreplui, la zovine poete performer catalane Yolanda Castaňo e sclarìs che «in poesie nol conte dome chel che si dîs: il respîr, il ritmi e il cidin a completin la peraule». Nol è mistîr par ducj.
Si sa che il tradutôr al è possedût di une fuarce che lu tormente dì e gnot; lui al rumie in continuazion, cuant che al fâs altris lavôrs, cuant che al fevele di alc altri,cuant che al polse, cuant che al duâr, fintremai cuant che nol cjate la peraule juste; il rapuart cul autôr al è intim e misteriôs, e al va oltri de simbiosi: al è une sorte di identificazion psicofisiche che e pues jessi percepide ancje dai estranis; cheste cundizion i permet di scjavâ ogni cjanton dal lûc che al sta visitant-violant e di scuvierzi ancje chel che nol è dit. Une gjonde assolude i da la misure dal obietîf centrât e lu ripaie di ogni fadie.
Il tradutôr furlan de Comedie al è in grât di ripercori il procès di selezion par ognidune des sieltis e par ognidune des omissions operadis tal cors dal so lavôr. Ma lui nol à di fâsi viodi: al à di scomparî parcè che la traduzion e à di fevelâ dibessole. Daûr dal insegnament di Italo Calvino si à di evitâ ogni esibizionisim, ogni vanitât, di mût che no si induvini la entitât de fature fate o de sodisfazion buride fûr dal rapuart privilegiât cul autôr. In te sostance, il compit de buine traduzion al è chel di meti cui che al lei in cundizion di sintîsi in ogni moment in compagnie dal origjinâl e di fâi provâ une fuarte curiositât di leilu, se no altri par madurâ la cussience des trasformazions operadis tal passaç di une lenghe a di chê altre.
Alc di simil al sucêt a un diretôr di orchestre, cuant che al interprete un spartît musicâl e al è obleât a fâ cualchi trasformazion o a sostituî cualchi strument. Par esempli, se o considerìn lis Variazions Goldberg BWV 988 di Bach, la introduzion dal pianoforte al puest dal clavicembal al va a urtâ la sensibilitât dal musicofil: si pues simpri proferî che Bach al à componût par un strument a cuardis e no par un a percussion, che al varès sigûr podût vuadagnâ la sene, sore violins, violis, violoncêi. Ma velu il miracul: il pianoforte tes Variazions Goldberg nol da nissun fastidi, anzit al fâs sintî cui che al scolte simpri in compagnie di Bach, ancje se al capite di pensâ in ogni moment che te musiche baroche il clavicembal nol larès sostituît cun nuie («Ustu meti il clavicembal!»).
Tradusi al vûl dî ogni volte decidi ce salvâ e ce no, ma sielzi al vûl dî simpri pierdi alc, e tradusi un autôr universalmentri cognossût, come Dante, al vûl dî esponisi par soreplui al risi di finis contestazions su dutis lis sieltis operadis, ancje de bande di cui che nol à cognossincis avonde fondis ni sul tradusût, ni su la lenghe doprade dal tradutôr.
Par un che al considere la traduzion a mût di leture, e che par chest al lei dome ce che lu cjape e che si cubie integralmentri cu la sô anime butant vie dut il rest, al è ridutîf fevelâ di tradutologjie. Si pues insegnâ a lei, ma no si pues insegnâ a lei ce che al plâs. No si pues insegnâ chê sorte di sest sens (tradutôrs tant che artists si nas) che ti met in sintonie cul autôr che tu stâs leint e che nol à nuie ce fâ cu la tecniche ni cu la cognossince linguistiche ni cu la sience; al à salacor atinence cu la creativitât. E la creativitât no si le pues regolamentâ.
Cui che al fâs une analisi critiche de traduzion par furlan de Comedie, si espon al risi di vê il judizi straviât de considerazion che un lengaç de cuotidianitât, puar e modest, nol pues pratindi di stâ a pâr cuntune lenghe leterarie, nobile e maestose. Su la lenghe di Dante i parês a son simpri positîfs, sul furlan invecit a pesin simpri, a nivel plui o mancul consapevul, pregjudizis sfavorevui.
Duncje, al è facil contestâ peraule par peraule dute la traduzion, mostrant di no vê argoments se no la obietive scontade superioritât dal origjinâl («Ustu meti Dante!»), o ben di no cognossi ni Dante (che si vûl vantâlu poete imens e sforadi), ni il furlan (che si vûl considerâlu lenghe puare e vernacolâr). Uns doi esemplis di contestazions che si puedin fâ:

Nel mezzo del cammin di nostra vita

Tal mieç dal cors teren de nestre vite (If I 1)

«La metafora del cammin sembra sbiadirsi nella resa in cors teren» (M. Favaro, Dante da una prospettiva friulana, p.125). Come evidenziât in maniere esauriente te presentazion fate a so timp dal tradutôr, a son precîs motîfs che a consein cheste sielte (impen di cjaminâ, cjaminade, cjaminament, strade o altri); si zonte cumò cualchi ulteriôr osservazion. Al è inecuivocabil che chi Dante al intint aludi ae vite mortâl in contraposizion a chê eterne; la vite mortâl e je chel moment une vore curt li che l'om al à il podê di esercitâ il libar arbitri, il plui alt don che i à fat Diu e che al ven specificât tal centri matematic de Comedie (Pg XVI 70-72):

Se così fosse, in voi fora distrutto
libero arbitrio, e non fora giustizia
per ben letizia, e per male aver lutto.

Se al fos cussì, us vignarès distrut
il vuestri arbitri, e no sarès justizie
pal biel at gjonde, ni corot pal brut.

Te epistole a Cjangrant, Dante stes al sclarìs: «Il sogjet de alegorie de opare interie e je la persone umane, par ce che, par vie de libertât di fâ ben o mâl daûr libar arbitri, si intive tal premi o tal cjastì de Justizie» (Ep XIII 8). Il cammino dal prin viers de Comedie al è duncje il cors mortâl de vite, curt, ma une vore impuartant, parcè che li si decît pe eternitât, e te Comedie no si contin i riferiments a cheste dramatiche cundizion. A Nicolau, vescul di Mire e protetôr di Bari, Dante al dîs (Pg XX 37-39):

Non fia sanza mercé la tua parola,
s'io ritorno a compier lo cammin corto
di quella vita ch'al termine vola.

O pues fidâti a la tô degne prole,
s'o torni a praticâ chel piçul puart
de vite che tun marilamp e svole.

(G. Reggio: v. 39: la vita mortale, che è breve, e che vola, corre al suo termine). Beatrice (Pg XXXIII 52-54) e indiche a Dante la mission che i è predestinade:

Tu nota: e sì come da me son porte,
così queste parole segna a' vivi
del viver ch'è un correr alla morte.

Regjistre dut; e tu cence altre art,
ripuarte ce ch'o dîs a cui ch'al vîf
tal timp che al va di corse viers la muart.

O sin une vore lontans de semplice metafore dal pelegrin cristalizade tor l'at dal cjaminâ. Che si pensi pluitost ae filosofie scolastiche, a Sant Agostin (De Civ. Dei I XIII 10): «Nihil aliud tempus vitae huius, quam cursus ad mortem» («il timp di cheste vite nol è altri che un lâ di corse ae muart»).
Il tradutôr al à insiemi adun tal cjâf la singule peraule, la Comedie interie, la interie produzion dal autôr, la esegjesi tor di lui di siet secui passe, e no dome chê di cheste o di chê altre edizion critiche, chê di chest o di chel altri coment; ni nol covente jessi dentri il mont academic par savê doprâ chestis facoltâts.

Mi ritrovai per una selva oscura.

Mi soi pierdût tune boscaie scure (If I 2).

«La boscaie non possiede la stessa aura di orrore ed inquietudine della selva dantesca» (M. Favaro, Op. Cit. p. 125). Cjalant la costruzion dal viers (e cence lis specificazions seguitivis) al somearès vêr il contrari. Ritrovarsi per al sta par vê cussience di cjatâsi dentri di une cundizion, potenzialmentri pericolose, ma transitorie. Pierdisi al sta par vê cussience di no podê plui vignînt fûr. Al di là di cheste sutîl distinzion, vêr al è che la «aura di orrore e di inquietudine» no nas ta chest viers, ma e sgorgole fûr, come che al à vût sclarît Boccaccio, dai viers seguitîfs. Fallani, Maggi, Zennaro: «In questo paesaggio misterioso e intricato non c'è modo di salvarsi: la selva, solo a pensarci, incute paura: la sua amarezza (il peccato conduce a dannazione) è paragonabile alla morte. Unico beneficio: il plenilunio (If XX 127-129)». «Pon qui tre condizioni di questa selva: selvaggia («lûc salvadi»), quasi voglia dinotare non avere in questa alcuna umana abitazione, e per conseguente essere orribile; aspra («ruspi»), a dimostrare la qualità degli àrbori e de' virgulti di quelli, li quali dovìeno essere antichi, con rami lunghi e ravvolti, contessuti e intrecciati intra se stessi; forte («fuart») dichiara lo impedimento già premostrato, cioè difficile a potere per essa andare e fuori uscirne; (allegoricamente) selvaggia, perciò che nella prigione del diavolo non è alcuna umanità, né pietà, né clemenza; aspra per le spine, per li triboli e per gli stecchi, cioè per le punture de' peccati; forte in quanto tenacissimi sono i legami del diavolo, e massimamente negli ostinati» (Boccaccio).
No plasie la boscaie? A orelis no furlanis sunie mâl la peraule? E pûr e je la traduzion esate de selva di Dante; no si dan altris soluzions: selve in Friûl e je toponim di localitâts aromai viertis e popoladis; bosc al è associazion di plantis di une essence prevalente (bosc neri di pins, bosc blanc di faiârs, bosc di tai e v.i.) di estension contignude, li che e je simpri evidente la opare dal om e duncje al indiche un puest confuartant. A restin dome boscam e – miôr, par resons prosodichis – boscaie, esatis traduzions di selva. Nol pues scjampâ il colegament cu «la sodaglia e la macchia di pruni, di quercioli, di marruche,... di alberi che, in lontananza, gli rappresentavano figure strane, mostruose, deformi», li che al ven a cjatâsi un interorît Renzo Tramaglino inte sô fughe noturne. Unic confuart la lune (A.Manzoni, i Pomessi Sposi, XVII 7).
Si podarès afermâ che Manzoni al parafrase Dante sedi a nivel leterâl (la pôre dal protagonist si sfante cul cambiament de situazion, chi la comparse di Virgjili, li la vôs dal Adda), sedi a nivel alegoric-anagogjic, che al è il midiesim intai doi câs, ven a stâi l'intervent de Providence:

O viodei, cjalant sù, l'alte splanade
vistude za dai rais dal lusôr pûr
ch'al mene il viazadôr dret pe sô strade.
Alore un pôc smolade dentri il cûr
e fo la pôre, ch'e veve durât
la gnot ch'o vei passât cun tant lancûr (If I 16-21).

«Era per perdersi affatto; ma atterrito, più che d'ogni altra cosa, del suo stesso terrore, richiamô al cuore gli antichi spiriti, e gli comandò che reggesse. Così rinfrancato un momento, si fermò su due piedi a deliberare» (Manzoni, PS XVII 7). Dit jenfri parentesis, la paronomasie (?) pore mi procure (If I 6), che e lassarès «un po' a desiderare» (M. Favaro, Op. cit. p. 125), si podarès cubiâle cu la ben plui coloride selva selvaggia (If I 5) di Dante .
Ce che invecit al interorìs cui che al fevele par furlan di cuant che al è nassût, e che al à imparât il talian e altris lenghis a scuele, e je la durece di orele di chei che a àn imparât tart il furlan o che no son bogns di preseâ la armonie, la intensitât, la poesie des peraulis e des struturis de lenghe furlane, ancje di chês plui familiârs e di chês plui abusadis. Cheste prospetive e mostre che il bello stilo di Dante – e di Virgjili – al consist propit tal elevâ il lengaç semplic di ogni dì al nivel de altece dal argoment.

Siede la terra dove nata fui
su la marina dove 'l Po discende
per aver pace co' seguaci sui.
Amôr, che a cuor gentil ratto s'apprende, (If V 97-100)
...

Al polse il lûc li che nassude o foi
su la marine li che il Po si invie
par cjatâ pâs cun ducj i siei fïoi.
Amôr, che a cûr zentîl di bot si impie,
...

La altece de espression poetiche e sta dute te semplicitât, te gjenuinitât des imagjins e dal lessic. Il Po al è un personaç che al ven indevant cui siei dissepui; Ravene une femine sentade sul ôr dal mâr; parsore e intor, une bisugne sbrenade di pâs. Culì e zuie la convertibilitât de materie poetiche, tant ben dimostrade di Osip Mandel'štam: dôs colombis che si poiin sul lôr nît; doi amants, ingropâts insiemi, sbalotâts violentementri dal aiar, par un moment fers devant di Dante par intercession de pietât divine; une antighe citât dongje dal mâr; un grant flum che li al jes cu lis aghis dai siei afluents; il dut filtrât de lûs di une tragjedie che no da pâs ni ai vîfs ni ai muarts; e il dut filtrât de sensibilitât di une femine che no capìs, che no acete e che par chest no pues perdonâ: je no varà mai pâs, ma la sô citât, tant che femine strache, e polse sul ôr dal mâr, li che al cjate pâs ancje il so flum, dopo lungje e faturose corse cu li aghis sôs e cun chês dai siei afluents, salacor personificâts tai fïoi che la cubie infernâl no à podût vê. La riflession e passe di bot a tratâ di amôr, che di bot si impie tor il cûr des personis degnis, dotât de stesse nature dal Amôr che al môf soreli e stelis (Pd XXXIII 145).
Ta chest pas si tocje une cime de poesie dantesche: cul lengaç plui sempliç e familiâr, si partìs sul plan leterâl dal teren sensibil li che ducj o metìn i pîts, e si va sù fintremai al nivel anagogjic al cospiet di Diu. Se chest al è il percors creatîf di Dante, no si pues acetâ che l'«espert» al puedi fermâsi a valutâ «poco "poetiche"» (v. M. Favaro, Op. cit. p. 125-126) ciertis peraulis che a son gjenuine interpretazion di chês dopradis te Comedie.




Nessun commento:

Posta un commento

coments