28/10/18

LA RIME CREATIVE


Si sa che la rime e pues jentrâ di parone tal procès creatîf, proferint soluzions gnovis e interessantis, e slargjant il cjamp des possibilitâts espressivis. Lu sustignive ancje Leopardi: "Ne' versi rimati, per quanto la rima paia spontanea, e sia lungi dal parere stiracchiata, possiamo dire per esperienza di chi compone, che il concetto è mezzo del poeta, mezzo della rima, e talvolta un terzo di quello e due di questa, talvolta tutto della sola rima. Ma ben pochi son quelli che appartengono interamente al solo poeta, quantunque non paiano stentati, e anzi nati dalla cosa" (Zibaldone, 1821). Dal sigûr Dante nol bacilave tes rimis e al saveve distrigâsi cun gjenialitât intes situazions plui critichis; ma pal tradutôr de  Comedie la tierce rime incjadenade e rapresente un vincul e un vencul, che si pues vignînt fûr dome operant cun cualchi autonomie. Si à però simpri di avodâsi cun discrezion e umiltât a concets come chescj: "Cumò, ta cheste situazion, se al fevelàs e al scrivès te mê lenghe, Dante cemût fasarèssial? Ce podarèssial pensâ di cheste soluzion un espert di Dante e de mê lenghe?".
Distès i risultâts no son mai garantîts e al è simpri cualchidun che al pues viodi  une ingjenuitât, un arbitri o un sfris li che il tradutôr al pensave di vê doprade la plui gjeniâl soluzion espressive pussibil.
Une vore dispès si cjatisi a front de alternative di sacrificâ la rime o di tradî la letare. Partint dal fat che la tierce rime par Dante e rapresente cence mancul la Trinitât e la metafore de Creazion, e che duncje si scuen doprâle (magari ricorint a chêi repeçs che al dopre ancje Dante), bisugne alore, se no tradî la letare, almancul fidâsi a une dose di olse e di umiltât, e operâ in altris direzions. Il câs forsit plui emblematic al è te prime tiercine dal ultin cjant dal Paradîs:

Vergine Madre, figlia del tuo figlio,
umile e alta più che creatura,
termine fisso d'eterno consiglio, 

Vergjine Mari, fie dal to fi,
umil e alte plui che creature,
salût pensade fin de prime dì,  (Pd XXXIII 1-3)

Al salte subit al voli che la traduzion dal tierç viers e je une vore libare.