12/07/19

VIERTIDURIS




No si à mai insistût avonde su la musicalitât de struture compositive e sul timbri musicâl di ogni cjant de Comedie, li che lis primis tiercinis a formin come il preludi di un poeme sinfonic, e nus metin dentri di un senari conciertistic tratât cu la maestrie organistiche di Sebastian Bach. A son tocs che a dan colôr e tonalitât a dut il cjant, cence pierdi la lôr autonomie, tant che lis ouvertures des oparis lirichis. Sedi la sielte e la disposizion des peraulis dentri dai viers, sedi la ispirazion esoteriche ("Minerva spira, e conducemi Apollo, / e nove Muse mi dimostran l'Orse" Pd II 6-7), sedi la naturâl sensibilitât compositive dal poete, a spandin une armonie che e cjape il fonts da l' anime:

O voi che siete in piccioletta barca,
desiderosi di ascoltar, seguìti
dietro al mio legno che cantando varca,

tornate a riveder li vostri liti:
non vi mettete in pelago, chè, forse,
perdendo me, rimarreste smarriti.

L'acqua ch'io prendo già mai non si corse:
Minerva spira, e conducemi Apollo,
e nove Muse mi dimostran l'Orse.

Voi altri pochi, che drizzaste il collo
per tempo al pan de li angeli, del quale
vivesi qui ma non sen ven satollo,

metter potete ben per l'alto sale
vostro navigio, servando il mio solco
dinanzi a l'acqua che ritorna equale.

Que' gloriosi che passaro al Colco
non s'ammiraron, come voi farete,
quando Iason vider fatto bifolco.

21/06/19

PUNTUAZION TE "VITA NOVA"



Te Vita Nova, cuant che al ven presentât un sonet o une cjançon, Dante si preocupe di frazionâ il test tai siei elements costitutîfs, cence jentrâ cuasi mai tai significâts o tal lôr profondiment, come che un letôr di vuê si spietarès. Visionant i manoscrits antîcs, si capìs il parcè di chest mût di fâ, tant strani pe sensibilitât di vuê, ce che al risulte par esempli ta cheste citazion:

«Io dico che questa cattivella canzone ha tre parti: la prima è proemio; ne la seconda ragiono di lei; ne la terza parlo a la canzone pietosamente. La seconda parte comincia quivi: Ita n'è Beatrice; la terza quivi: Pietosa mia canzone. la prima parte si divide in tre: ne la prima dico perchè io mi muovo a dire; ne la seconda dico a cui io voglio dire; ne la terza dico di cui io voglio dire. La seconda comincia quivi: E perché me ricorda; la terza quivi: E dicerò. Poscia quando dico: Ita n'è Beatrice, ragiono di lei; e intorno a ciò foe due parti: prima dico la cagione per che tolta ne fue; appresso dico come altri si piange de la sua partita, e comincia questa parte quivi: Partissi de la sua. Questa parte si divide in tre: ne la prima dico chi non la piange; ne la seconda dico chi la piange; ne la terza dico de la mia condizione. La seconda comincia quivi: Ma ven tristitia e voglia; la terza quivi: Dannomi angoscia. Poscia quando dico: Pietosa mia canzone, parlo a questa canzone, disignandole a quali donne se ne vada, e steasi con loro» (VNXXXI, 2).

Al pâr evident che cheste division dal test in parteselis e pues vê la funzion di judâ e di orientâ i letôrs, intune epoche li che no si doprave ancjemò la puntuazion e i viers a vignivin scrits un daûr di chel altri, cence regulis di division par silabis, cence altri criteri se no chel di sparagnâ cjarte. Pal letôr di vuê, che al à a disposizion une puntuazion sientifiche, lis divisions fatis di Dante no àn plui impuartance, e cheste e je la reson che tal voltâ par furlan la Vita Nova a son stadis ometudis informazions e notazions dal test origjinâl, che a puedin dal sigûr judâ une vore cui che al cure une edizion critiche, ma che no disin nuie di gnûf pal profondiment dal test. Une ultime curiositât: il frament di Trespiano dal XIV secul nus presente un biel toc de cjançon che Dante al trate tal pas sore ripuartât, e nus documente cemût che si scriveve te Ete di Mieç; si pues ancje notâ che cualchidun - forsit une des suorutis agostinianis che lu àn scuviert une cincuantine di agns indaûr - nol à savût tratignîsi dal meti jù cu la matite sul document origjinâl notazions e segns diacritics tirâts fûr di une edizion moderne.

08/06/19

VITA NOVA ( XXXII - XXXIII )



XXXII - Finîde di componi cheste cjançon, al è vignût di me un che, te graduatorie dai miei amîs, al ven subite daûr dal prin, e che al è parint une vore stret di cheste femine gloriose. Tant che o stevin fevelant, al à vude ocasion di domandâmi che o scrivès par lui alc su di une femine che e jere mancjade; si esprimeve in maniere cuvierte, par che o crodès che al fevelave di une altre persone; e jo, che o vevi capît che si riferive propit a cheste benedete, i ai dit che lu varès contentât vulintîr. Cussì o ai pensât ben di scrivi il sonet Vignît dongje a sintî i miei sospîrs, une vore lamentôs, e di dâial in mût che al crodès che lu vevi scrit par lui. Il scheme rimic al è: ABBA ABBA CDE DCE.

Vignît dongje a sintî i miei sospîrs,
o cûrs zentîi, che la pietât lu vûl:
sospîrs che a svolin vie plens di dûl,
ma vîf mi tegnin tant che amîs sincîrs;

parcè che i voi no son bogns conseîrs,
ai jai! plui triscj di chest scuindût carûl,
che al pâr spierdi dal cûr dolôr e nûl,
vaint la done al som dai miei pinsîrs.

Ju sintarês zemint clamâ dispès
la femine zentîl che mo e je lade
tal timp che al è plui degn de sô virtût;

e spreseâ la vite sfortunade,
di chê che al pâr che dome mâl e ves,
e bandonade e fos de sô salût.

08/05/19

LA MATRIE


Dulà ise la Patrie? Indulà vino di meti sù cjase, par finî di cirîle? E je la domande che si faseve Enee e che e fonde la Europe di vuê – domande forsit dal dut dismenteade. I dius a vevin destinât che par Enee cheste Patrie e varès vût di jessi la Italie. Ma la Italie i scjampave simpri. Al eroi che al scjampe i rispuint la Italie che e scjampe, come ai erois di doman che a scjampin e scjamparà la Europe: dulà cheste scomencie? dulà finissie? cualis nazions aie? cualis lidrîs le sostegnino? O ben la sô maludizion ise propit tal no vêlis, tal no vê nuie dulà lidrisâsi? Enee al veve dal sigûr Patrie, anzit: la Patrie, la Ili sacre, la imagjin de citât perfete, guviernade dal Re just e bon, popolade di int che e riten massime virtût il murî pe sô salvece. Enee al varès desiderât di restâ su lis sôs ruvinis pluitost di frontâ il destin di cori daûr ae Italie. Ancje lis maseriis di Troie a saressin stadis par lui "plui" Patrie di cualsisei altre future. Ma la Patrie e je stade sdrumade dai Acheus, dal potent conubi di violence e di astuzie che al caraterize l'esercit, une masse slidrisade dai siei paîs, agnorums lontane di ogni domestic afiet. Tancj di lôr no tornaran, il plui grant al mûr sot lis muris di Ili, cui che ju à vuidâts a cost dal sacrifici de fie al ven sassinât apene metût pît li che al pensave che e fos la sô dimore.
Disgraziâts erois. Cu la fin di Ili chê idee di Patrie e va par simpri a mont. Enee, dut câs, al fonde la gnove citât sburtât de maluserie de Patrie, che lu domee. Cence la fuarce di cheste maluserie, Rome no varès mai podût vignî sù. Ma Rome no pues sei Ili, no 'ndi conserve la lenghe, no sarà mai la citât finide dal dut, contignude in maniere armoniose dentri i siei cunfins; e sarà invecit la citât-che-e-cres, la citât-che-si-môf, Civitas augescens, Civitas mobilis, la citât insaziabil, imperium sine fine, la urbs che e vûl deventâ orbis terrae

28/10/18

LA RIME CREATIVE


Si sa che la rime e pues jentrâ di parone tal procès creatîf, proferint soluzions gnovis e interessantis, e slargjant il cjamp des possibilitâts espressivis. Lu sustignive ancje Leopardi: "Ne' versi rimati, per quanto la rima paia spontanea, e sia lungi dal parere stiracchiata, possiamo dire per esperienza di chi compone, che il concetto è mezzo del poeta, mezzo della rima, e talvolta un terzo di quello e due di questa, talvolta tutto della sola rima. Ma ben pochi son quelli che appartengono interamente al solo poeta, quantunque non paiano stentati, e anzi nati dalla cosa" (Zibaldone, 1821). Dal sigûr Dante nol bacilave tes rimis e al saveve distrigâsi cun gjenialitât intes situazions plui critichis; ma pal tradutôr de  Comedie la tierce rime incjadenade e rapresente un vincul e un vencul, che si pues vignînt fûr dome operant cun cualchi autonomie. Si à però simpri di avodâsi cun discrezion e umiltât a concets come chescj: "Cumò, ta cheste situazion, se al fevelàs e al scrivès te mê lenghe, Dante cemût fasarèssial? Ce podarèssial pensâ di cheste soluzion un espert di Dante e de mê lenghe?".
Distès i risultâts no son mai garantîts e al è simpri cualchidun che al pues viodi  une ingjenuitât, un arbitri o un sfris li che il tradutôr al pensave di vê doprade la plui gjeniâl soluzion espressive pussibil.
Une vore dispès si cjatisi a front de alternative di sacrificâ la rime o di tradî la letare. Partint dal fat che la tierce rime par Dante e rapresente cence mancul la Trinitât e la metafore de Creazion, e che duncje si scuen doprâle (magari ricorint a chêi repeçs che al dopre ancje Dante), bisugne alore, se no tradî la letare, almancul fidâsi a une dose di olse e di umiltât, e operâ in altris direzions. Il câs forsit plui emblematic al è te prime tiercine dal ultin cjant dal Paradîs:

Vergine Madre, figlia del tuo figlio,
umile e alta più che creatura,
termine fisso d'eterno consiglio, 

Vergjine Mari, fie dal to fi,
umil e alte plui che creature,
salût pensade fin de prime dì,  (Pd XXXIII 1-3)

Al salte subit al voli che la traduzion dal tierç viers e je une vore libare.

21/08/18

MALINCÛR


Ce che al da plui sodisfazion a un tradutôr al è chel di rivâ a jentrâ te anime dal autôr, par ricostruî di dentri il procès creatîf, fin dal moment emozionâl che al da struture sensibil al pinsîr. E je cheste la plui alte forme di imitazion, che no à bisugne di nuie di particolâr, al baste lassâsi cjapâ par man dal autôr, che al è simpri pront a tirâti fûr i siei sintiments, e a mostrâti moment par moment lis soluzions plui oportunis. Cheste situazion e pues verificâsi li che la emozion di cui che al compon e je talmentri fuarte che si savolte la struture stesse dal discors: nuie di miôr ce fâ, ta chest câs, se no di voltâ fedelmentri peraule par peraule.
Cuant che Dante al scrîf l'Otâf dal Purgatori al è aromai in esili di passe dîs agns, ma nol rive a dâsi pâs, parcè che si sint vitime di injustizie, e i bruse come cuant che il provediment al fo apene adotât. Lui al imagjine di fâ il so viaç tal 1300, l'an dal Gjubileu, cuant che il so esili al pues jessi ancjemò dome profetât: a la fin dal Cjant al è Conrât di Malespine che i al predîs (Pg VIII 133–139):

E lui: «Va; che il soreli no siet voltis
si pognarà tal jet li che il Monton
al disdulìs lis cuatri talpis sioltis,

che cheste tô cortese opinion
e vignarà inclaudade te tô ment
cun clauts plui salts di cualsisei sermon,

se cors di alt juduzi lu consent».

10/07/18

TRADUZION E IMITAZION


Se l'at dal tradusi al è considerât a nivel di une leture creative, ce che al da plui sodisfazion a cui che al volte un test intune altre lenghe al è chel di simiotâ l'autôr tal so stes stîl e tes sôs propriis formis espressivis, ma stant une vore atents a no scjadi te parodie, che e je la muart de traduzion. Al è vêr che lis peraulis no àn mai corispetîfs precîs tes altris lenghis, par chest o pensi che la aprossimazion di sens e di significât e pues cjatâ compensazion inte creativitât controlade di cui che al vûl esplorâ intune altre lenghe la opare di un autôr; vâl a dî che probabilmentri la strade juste pal trodutôr e je la imitazion.
Un nivel elementâr di imitazion al è chel di doprâ, par esempli, un lengaç colorît, cuant che colorît al è il lengaç dal origjinâl. Al inizi dal XXIII dal Infier Dante e Virgjili si cjatin te cundizion di stâ par frontâ la rabie di une desene di diaui che a àn motîf di volê massacrâju: "Se l'ira sovra 'l mal voler s'aggueffa, / ei ne verrannno dietro più crudeli / che 'l cane a quella lievre ch'elli acceffa" (If XXIII 16-18), dulà che la terminologjie, di proposit slumbriade, di bessole e fâs "tutti li peli arricciar / de la paura" (ibid. 19-20).

Se rabie cun malizie e fâs doplon,
chei nus corin daûr plui scjadenâts
dal cjan ch'al cure il jeur a sdramasson.

Dulà che la atenzion si concentre dute su la slavrade reazion rabiose dal cjan.

06/03/18

SOTTO IL VELAME


O voi ch’avete li ‘ntelletti sani,
mirate la dottrina che s’asconde
sotto ‘l velame de li versi strani.

O voaltris ch’o tignîs sintiments sans,
valutait la dotrine che si plate
sot il velam dai viers no masse plans.

Cun chestis peraulis (If IX 61-63), Dante al mostre in maniere esplicite che inte sô opare al è un sens dotrinâl scuindût sot un sens esteriôr e aparent che al è dome un vêl, e chest sens scuindût al à di jessi tirât fûr di cui che al è bon di jentrâi dentri cu la juste disposizion di spirit. Tal secont libri dal Convivio(Clape, Simposi) Dante al trate in maniere plui precise dai cuatri sens che a son presints in dutis lis scrituris, e no dome ta chês sacris (Conv II, 1):
[]“O vuei precisâ che la mê esposizion e je par necessitât leterâl e alegoriche. E par sclarî chest, si à di fâ cont che lis scrituris a van intindudis midiant cuatri sens. Un al è il sens leterâl, e chest al è chel che nol va oltri il significat des peraulis secont lis imagjins che a esprimin, tant che tes flabis contadis dai poetis. 

24/02/18

VITA NOVA ( XXXI )



Une vore a dilunc o vevi vaît e i miei voi a jerin tant stracs che no rivavin plui a sfogâ la mê disperazion, alore o pensai di sfogâle par mieç de musiche e o decidei di scrivi une cjançon li che vaint o resonàs di jê che, a cause sô, il dolôr al steve devastant la mê anime; e o començai a scrivi la cjançon “La dolorose cundizion dal cûr”… [A son cinc stanziis di cutuardis viers endecasilabis, fale un setenari (il diesim), che a rimin ABC/ABC/CDE/eDE/FF; la cjançon si siere cuntun congjêt di sîs viers (endecasilabis, il tierç setenari) che a rimin ABbCCB].

La dolorose cundizion dal cûr,
che e à fat patî di lagrimis i voi,
dal dut tronfâts, ju à metûts in crôs.
Se o vuei cumò sfogâ il gno lancûr,
che jo par chest dacîs de muart o soi,
mi conven lamentâmi a plene vôs.
E stant che jo mi visi che amorôs
o ai fevelât di jê co vive e jere
cun voaltris, che zentîl anime o vês,
o vuei dome cun chês
come vô, fevelâ in avuâl maniere;
cjantâ e lagrimâ o sintarês,
parcè che e je svolade in Paradîs,
lassant dubiôs chi Amôr al improvîs.

03/10/17

LA BURASCJE



Osip Mandel’štam al à cirût di meti in vuardie il letôr di Dante dal ecès di esegjesi, che e podarès finî par falsâ il vêr intindiment dal poete e puartâ fûr di strade il letôr cun argomentazions che no cuadrin cul so pinsîr. Un esempli famôs (If I 22-27):

E come quei che con lena affannata,
E come chel che cun spirt acanât
uscito fuor dal pelago alla riva,
al salte fûr de burascje a la rive
si volge a l’acqua perigliosa e guata,
e al volte al mâr il voli stralunât,


così l’animo mio, che ancor fuggiva,
cussì l’anime mê, che inmò e fuive,
si volse a retro a rimirar lo passo
si voltave indaûr a viodi il pas
che non lasciò già mai persona viva.
che nol lassà passâ persone vive.

La espression “che non lasciò già mai persona viva” e je stade interpretade in svariâts mûts, secont che il pronon relatîf “che” al sedi considerât sogjet o complement ogjet. La diference gramaticâl e va a compuartâ ancje une diference di sens: se “che” al è sogjet, il passo si identifiche in mût alegoric cul pecjât (la selva oscura) che al puarte a perdizion cui che nol sa liberândisi; seche” al è ogjet, alore nissune persone e rive a evitâ il pecjât: te vite mortâl, fate di cuarp e anime (persona viva), si pues condanâ sul plan morâl il pecjât, ma cence aiût sorenaturâl no si rive a evitâlu: «Nessuno abbandonò il peccato se non morendo misticamente in Cristo» (Pascoli). Interpretazion sfuarzade sul plan esegjetic, ma ancje fûr de gramatiche dantesche.

25/09/17

VITA NOVA (XXVII - XXX)


XXVII – A chest pont, tal pensâ a ce che o vevi scrit di madone tai ultins doi sonets, o vei la sensazion di jessimi esprimût in maniere incomplete, parcè che nuie o vevi dit dai efiets che madone e operave tor di me intal stes timp. Alore o decidei di descrivi la mê atitudin a ricevi i beneficis dal so operâ, no intun sonet, che al sarès stât masse curt, ma ben intune cjançon: Tant a dilunc (Sì lungiamente).
 
Sì lungiamente m’ha tenuto Amore
Tant a dilunc Amôr mi à paronât
e costumato a la sua segnoria,
e costumât a la sô signorie,
che sì com’elli m’era forte in pria,
che se prime al pareve malatie,
così mi sta soave ora nel core.
al è confuart pal gno cûr deventât.
Però quando mi tolle sì ’l valore,
Che se mi svuede di vitalitât,
che li spiriti par che fuggan via,
al pont che al pâr che i spirts a scjampin vie,
allor sente la frale anima mia
di tant dolçôr l’anime mê si impie,
tanta dolcezza che ’l viso ne smore.
che al è il colôr de muse distudât.
Poi prende Amore in me tanta vertute,
In me tant fuart Amôr al è vignût,
che fa li miei spiriti gir parlando,
che al mande ator i miei spirts fevelant,
ed escon for chiamando
e a saltin fûr clamant
la donna mia, per darmi più salute.
madone, che mi dedi plui salût.
Questo m’avvene ovunque ella mi vede,
Chest mi capite cuant che jê mi viôt,
e sì è cosa umil, che non si crede.
e naturâl al pâr, che no si crôt.

14/09/17

POESIE e FILOSOFIE te DIVINE COMEDIE




I argoments dotrinaris, simpri une vore incisîfs tes trê Cantichis, in mût particolâr tal Purgatori e tal Paradîs, no son mai “digressions” superfluis, come che dispès si pensave timps indaûr, ma a son moments che si inserissin in maniere armoniche tal percors di perfezionament spirituâl di Dante, e si tradusin simpri in ocasion di alte poesie. Tai cjants XVII e XVIII dal Purgatori areis narativis e areis didascalichis si alternin cun gjeometriche regolaritât, e jenfri chestis a son inseridis sveltis notazions, a mût di preziosis miniaturis, insioradis di riferiments astronomics, gjeografics, o tirâts fûr de esperience cuotidiane. Al è come se une fuarce misteriose tant che un istint primordiâl, potent tant che “amôr ta l’âf / a fâ la mîl” (Pg XVIII 58-59) e vuidàs la man dal poete viers formis di perfezion assolude. A puedin sclarî chest concet uns doi esemplis, gjavâts dal cjant XVIII dal Purgatori, li che si trate dal rapuart tra amôr e libar arbitri, argoment une vore dibatût te Ete di Mieç (Pg XVIII 49-63):

 
Ogne forma sustanzïal, che setta
Ogni principi sostanziâl distant
è da matera ed è con lei unita,
de materie, che al ven a unîsi a cheste,
specifica vertute ha in sé colletta,
specifiche virtût al spieghe cuant


la qual sanza operar non è sentita,
ch’al opare e no si manifeste
né si dimostra mai che per effetto,
se no tal comparî di cualchi efiet,
come per verdi fronde in pianta vita.
tant che linfe pal vert tune foreste.


Però, là onde vegna lo ’ntelletto
Par chest, di là che us rive l’intelet
de le prime notizie, omo non sape,
dai principis, nol ten al vuestri cjâf,
e de’ primi appetibili l’affetto,
ni des primis inclinazions l’afiet,


che sono in voi sì come studio in ape
ch’o vês inadis, come amôr ta l’âf
di far lo mele; e questa prima voglia
a fâ la mîl; e chest istint primari
merto di lode o di biasmo non cape.
di blasim ni di laude nol è sclâf.


Or perché a questa ogn’altra si raccoglia,
Al fin che a cheste ogni altre si compari,
innata v’è la virtû che consiglia,
inade o vês virtût che us consee,
e dell’assenso de’ tener la soglia.
par che la strade dal consens si impari.


Quest’è ’l principio là onde si piglia
Il principi al è chest che in vô si cree
ragion di meritare in voi, secondo
il merit e la volontât, secont
che buoni e rei amori accoglie e viglia.
che i bogns amôrs dai triscj al disgredee.

09/09/17

VITA NOVA ( XXVI )



Cheste femine di cûr tant nobil e cuistà tant agradiment te popolazion de citât, che cuant che jê e passave par strade, la int e coreve a viodile, e di chest jo o jeri une vore orgoiôs. E a cui che si cjatave dongje di jê, tant sintiment i meteve ta l’anime, che nol olsave di cjalâle tai voi, ni nol veve la fuarce di rispuindi al so salût; e tancj di lôr a puedin confermâlu, par vênt vude esperienze direte. Cuant che e passave, e pareve vuidade e cuvierte de umiltât, e no mostrave nissune braùre di ce che e viodeve o e sintive ator di jê. Tancj a disevin, dopo che e jere passade: «Cheste no je une femine, cheste e je un dai agnui plui biei dal cîl»; o ancje: «E je une maravee; benedet il Signôr, che al sa fâ maraveis come cheste!». Jo o pues dî che jê si mostrave tant fine e tant plasinte, che chei che le viodevin a sintivin ta l’anime un dolçôr font e apaiant, tâl che no rivavin a descrivilu, e nol jere nissun di chei che a podevin amirâle che no si metès a suspirâ.
Tant maraveosis cualitâts, e tant evidentis, mi induserin a ripiâ in man l’argoment des sôs laudis, in mût che ducj, ancje chei che no vevin la fortune di cognossile, a podessin vênt esperience, almancul midiant chel tant che lis peraulis a puedin comunicâ. O componei alore il sonet Tante grazie (Tanto gentile).
  
Tanto gentile e tanto onesta pare
Tante grazie e tant smalt e pâr svelâ
la donna mia quand’ella altrui saluta,
la mê femine cuant che jê e salude,
ch’ogne lingua deven tremando muta,
che ogni vôs za sui lavris si distude,
e li occhi no l’ardiscon di guardare.
e i voi no olsin di stâle a cjalâ.


Ella si va, sentendosi laudare,
E va garbade, sintintsi a laudâ,
benignamente d’umiltà vestuta;
amabilmentri di umiltât vistude;
e par che sia una cosa venuta
e pâr che e sedi une robe vignude
di cielo in terra a miracol mostrare.
dal cîl in tiere a miracul mostrâ.


Mostrasi sì piacente a chi la mira,
Si mostre tâl a chel che le rimire,
che dà per li occhi una dolcezza al core,
che al ven pai voi ta l’anime un dolçôr,
che’ ntender no la può chi non la prova:
che nol pues dîlu cui che no lu prove:


e par che da la sua labbia si mova
e al pâr che sui siei lavris si rinove
uno spirito soave pien d’amore,
un spirit delicât e plen di amôr,
che va dicendo a l’anima: Sospira.
che al va disint a l’anime: Suspire.

04/09/17

VITA NOVA (XXIV - XXV)


XXIV - Une dì che pinsirôs o polsavi intun puest che o jeri solit a frecuentâ, o sint di gnûf partî dal cûr un taramot, come se o fos in presince di jê. Te fantasie mi pareve che Amôr in persone al vignîs de bande che madone e jere a stâ, e che il gno cûr mi disès, fevelant cu la vôs di Amôr: «Pense a benedî la zornade che ti ai cjapât: tu âs il dovê di fâlu». In chel o viôt vignî viers di me une femine zentîl, famose pe sô bielece, che e jere za stade une grande passion dal prin dai miei amîs. E jere Gjovane, che tancj di lôr a clamavin Primevere. Cun jê e vignive de mê bande chê maravee di Beatrice e il gno cûr si metè a fevelâmi, simpri cu la vôs di Amôr: «Viodistu? Ae prime a dan non Primevere par chel che al sucêt ta chest moment: o ai fat in mût che e vignìs “prime” che Beatrice si mostràs a ti, so fedêl, che tu le âs vude cjantade te ultime tô cjançon. Se po tu vûs fermâti a considerâ chel altri so non, il significât nol cambie, parcè che Gjovane al vâl tant che a dî Iohannes, il Batiste, che al è vignût “prime” dal Salvadôr: “Ego vox clamantis in deserto. Parate viam Domini». E il gno cûr, vôs di Amôr, al concludeve: «Se tu consideris plui sutilmentri, Beatrice si podarès clamâle Amôr, parcè che mi somee in dut».
Jo o decidei alore di dedicâ al prin dai miei amîs il sonet Dentri o sintii sveâsi (Io mi senti’ svegliar) par contâi il fat, cu la dovude discrezion, sigûr che in cûr so al conservave ancjemò une fuarte simpatie pe sô zentîl Primevere.

Io mi senti’ svegliar dentro a lo core
Dentri o sintii sveâsi intun tremôr
uno spirito amoroso che dormìa:
un spirt d’amôr che tal cûr mi polsave:
e poi vidi venir da lungi Amore
e o viodei vignî dongje il gno signôr,
allegro sì, che appena il conoscìa,
ma legri tant, che un altri al someave.


dicendo: «Or pensa pur di farmi onore»:
«Cumò tu puedis ancje fâmi onôr»,
e ’n ciascuna parola sua ridìa.
dissal, e fevelant al riduçave.
E poco stando meco il mio signore,
Al jere li di pôc fermât Amôr,
guardando in quella parte onde venìa,
cuant che cjalant de bande che al rivave,


io vidi monna Vanna e monna Bice
o viodei siore Vane e siore Bice
venire inver lo loco là ’v’io era,
vignî là che la mê persone e jere,
l’una appresso de l’altra maraviglia;
une aprûf di chê altre maravee;


e sì come la mente mi ridice,
mi visi ben che de cubie felice
Amor mi disse: «Quell’è Primavera,
Amôr mi dîs: «Une e à non Primevere,
e quell’ha nome Amor, sì mi somiglia».
chê altre Amôr, parcè che mi somee».


XXV - [Lungje e dote digression tor cemût che in filosofie e in poesie si ponte a personificâ l’amôr, e tor cemût che l’amôr al à ispirât scritôrs di lenghe greche e latine dal passât, e scritôrs di lenghe volgâr te Europe romanze dal dì di vuê].