05/05/22

PUBLICAZION dal E-BOOK de DIVINE COMEDIE


Come tantis ocasions culturâls, ancje la trasformazion de Divine Comedie in eBook si è cjatade a fâ i conts cul moment complicât che ducj o stin vivint. Par vie dal Covid o vin vût intarts e rimants di redazion, ma finalmentri il lavôr si è ben concretizât.

Di chi indenant, come progjetât de Cjase Editore Kappa Vu, il letôr al varà cussì a disposizion sedi la Divine Comedie in cjarte, sedi la sô version miorade in digjitâl, cun includude la leture online di un grop di cjants e di estrats  rigjavâts di altris iniziativis inmaneadis vie pai agns.

Chest il leam dal sît par podê discjamâ l’eBook 

https://shop.kappavu.it/KV/prodotto/la-divine-comedie-ebook-epub/ 

22/12/21

DANTE, UN ERETIC IN PARADÎS


 

Il centri matematic de Comedie e je une tierzine li che si laudone la libertât di pinsîr tant che possibilitât di cjapâ decisions libaris: "Se così fosse, in voi fora distrutto / libero arbitrio, e non fora giustizia / per ben letizia, e per male aver lutto. S'al fos cussì, us vignarès distrut / il vuestri arbitri, e no sarès justizie / pal biel at gjonde, ni corot pal brut" (Pg XVI 70-72). Come che al dîs Dante stes presentant il so lavôr al signôr di Verone, "Tal sens alegoric o rapresenti la persone umane, che, dotade di libar arbitri, e duncje de facoltât di operâ ben o mâl, i tocje il premi o il cjastì de Justizie" (Epistole a Cjangrant, 8).

Biel il viers li che Virgjili, congjedantsi, al conferìs a Dante la corone e la mitrie, par dî che aromai lui al è re e pape di se stes: "Perch'io te sovra te corono e mitrio. Paron di te jo ti coroni e mitri" (Pg XXVII 142). Si viôt culì l'alt sens de libertât de cussience personâl svilupât di Dante, come che si viodile ancje te letare a Cjangrant: "Chei che a son dotâts di buinis cognossincis e di abitudin a capî ce che di bon o vin dentri, no àn di lâ daûr aes olmis des pioris, ma pluitost a àn di individuâ e corezi i erôrs, parcè che, dotâts di libertât cuasi divine, no si fasin someti dai disonescj. E no si à di dâsi di maravee se chescj a son chei che no son guviernâts des leçs, ma ben a son chei che lis leçs lis guviernin" (Epistole a Cjangrant, 2): posizion, cheste, une vore lontane dal stereotip di une Ete di Mieç oscurantiste, che di bon e tornarà fûr tal umanesin cu la Oratio pro hominis dignitate di Pico de la Mirandola, e te modernitât cul scrit di Kant dal 1784 Rispueste ae domande: Ce isal l'iluminisim?.

15/10/21

INTERVENT di FIN su LA DIVINE COMEDIE

Cuant che si torne a lei un libri a distance di timp, si à la impression di jessi devant di une opare gnove, parcè che il timp al madrès la esperience e la sensibilitât, e nus met lis robis sot une gnove prospetive. Al pues sucedi ancje di scuvierzi sot il velam significâts che a une prime leture nus jerin scjampâts o di viodi plui in dentri ce che tal prin si veve dome condividût. Il libri let (tradusût) al instaure cun nô un rapuart di parintât. Un fi lu vin simpri sot dai voi e al somee tai agns simpri chel, ma se al torne a cjatanus dopo che si è slontanât par cualchi timp nus somee di bot diferent, cressût, madurât. Un altri.

La Divine Comedie par furlan e je stade publicade tal 2015 in ocasion dal 750esim gjenetliac di Dante; tal 2021, in ocasion dal 700esim inovâl de muart dal poete, a son passâts sîs agns e mi soi inacuart che la Divine Comedie e je deventade fin plui biele e che la sô traduzion furlane e je cressude e madurade, al pont di meretâ une pussibil gnove version, ancje se pal moment si trate dome di justaments interessants, cul obietîf no di rifâ i trats de zoventût a une femine stagjonade, ma cun chê di bilisiâ cun delicatece une zovenute za di so une vore biele.

I comedaments a converzaran a componi l’eBook che al è za stât programât, inglobant ancje il nudrît “Errata corrige” riferît ae traduzion edite tal 2015.

Pal moment al sarà pussibil consultâ lis modifichis di chest lavôr di afinament te sezion “INZORNAMENTS” publicade te colone culì in bande a gjestre.

 


19/06/21

LA DIVINE COMEDIE E CRES

 


Te suaze des celebrazions pal 700esim aniversari de muart di Dante, si sta ancje inmaneant l'eBook de publicazion KappaVu de Divine Comedie che si presentarà come so complement perfezionât, cussì slargjant la ufierte a gnûfs canâi di distribuzion fûr dai cunfins locâi.

Si sa che pal letôr di vuê cjarte e digjitâl a son deventâts interscambiabii, secont la ocasion o la esigjence dal moment, e la version eBook, ancje se e domande un minim di paronance tal ûs di pc e dispositîfs mobii, e pues furnî vantaçs par la fruizion di une opare cussì complesse come la Divine Comedie: la comoditât de disponibilitât dal test intîr, la funzionalitât de ricercje rapide, la sincronizazion sore plui dispositîfs, la adatabilitât aes esigjencis di cui che al lei.

A operazion completade al sarà publicât il link par discjamâ l'eBook. 


18/05/21

PUBLICAZION DE "VITE GNOVE"


 

Simpri pal 700esim aniversari de muart di Dante, la traduzion de "Vita Nova" (Vite Gnove) e je stade publicade te golaine “Agâr” cul patrocini de Societât Filologjiche Furlane.

Inte suaze de rassegne "UdinEstate 2021", ai 14 di Setembar, te cort di Palazzo Mantica e je stade proponude la leture di tocs de opare cu la presentazion dal prof.Matteo Venier e la biele interpretazion dai atôrs dal Teatri Stabil Furlan (Manuel Buttus, Paolo Mutti, Marta Riservato) sot la regjie di Carlotta Del Bianco.

Chest il leam par tornâ a viodi l'event :

http://www.filologicafriulana.it/eventi-e-attivita/la-vite-gnove-di-dante-alighieri-6273/

 



 

16/05/21

"DANTE PAR FURLAN"



 

Il progjet Dante par furlan a 700 agns de sô muart al è stât realizât in colaborazion cun la Fondazion De Claricini Dornpacher come un dai tancj events in calendari pes celebrations di Dante 2021 .

Al è nassût di une propueste dal TSF (Teatri Stabil Furlan) e dal interès di puartâ la poesie di Dante al public zovin che si sta svicinant al teatri in marilenghe doprant la mê traduzion publicade cun la Kappa Vu.

Il viaç tai siet estrats dal Infier e Purgatori  (in setembar lis dadis dal Paradîs) al è inviât di Paolo Patui e puartât indenant in maniere coinvolzinte dai atôrs dal TSF.

Chescj i leams par scoltâ lis leturis:

https://teatristabilfurlan.it/dante-par-furlan 

o pûr:

https://www.youtube.com/playlist?list=PLD_u9z5muj9BPXf4PfO-mX6gVRx_D5g7M

Pe Setemane de culture furlane organizade de Societât Filologjiche, ai 15 di Mai si à tignût un incuintri su cheste esperience teatrâl. Par l'ocasion, Carlotta Del Bianco, regjiste des trasmissions,  e à declarât :

 “ La traduzion che o vin sielzude e je “La Divine Comedie” par cure di Aurelio Venuti. Si trate di une traduzion che nus à intrigât e plasût par la rafinatece da lis sieltis linguistichis e par la capacitât dimostrade di rindi perfetamentri ancje la struture e il sunôr dal lengaç furlan confrontât cul lengaç di Dante.

Il viaç tai estrats dal Infier e Purgatori nus à coinvolt une vore, sedi pal studi dai tescj che par la interpretazion che e je stade veramentri apassionade e intense. Un esercizi di alt nivel pai atôrs de zovine compagnie dal Teatri Stabil Furlan che si stan preparant par il spetacul “La cjase, lagrimis di aiar e soreli” (di Siro Angeli) dal 29 di Mai.

Tai episodis sielzûts no si viôt il grandiôs disen dal progjet di Dante, ma si entre in contat cun la sô bravure tal incuadrâ ogni sielte umane insieme ancje cun la leç divine che e stabilis un eterni judizi di premi o di cjastic. Il lengaç doprât in cheste traduzion al è un lengaç sempliç e tal stes timp impegnatîf; vîf, cun tune fuarte sonoritât che e jude a puartâ dentri te storie, te sô dramaticitât, ben che cun diferente partecipazion tal Infier e tal Purgatori.”

 

 


09/05/21

"DANTE PAR FURLAN" : estrats dal "Purgatori" lets par RAI FVJ

 

 

Come part di un progjet che al gjolt dal patrocini dal Teatri Stabil Furlan, su RadioRai 1 FVJ  a partì dai 10 di Mai si pues ancje scoltâ la leture di estrats dai cjants dal XXVI al XXXIII dal Purgatori. L’interpretazion e je fidade a Aida Talliente e Stefano Rizzardi. Dutis lis pontadis (che a saran registradîs in podcast) si vierzin cuntune conte svelte fate di Paolo Patui par creâ le atmosfere par lâ dentri a ogni episodi. Coment in musiche di Arno Barzan.

Chest il leam par scoltâ lis leturis: 

http://www.sedefvg.rai.it/dl/portali/site/articolo/ContentItem-0fa42dd3-6067-45de-b173-c10699db8600.html

 

 
 

                                                             Stefano Rizzardi


05/01/21

CHEL COLPUT DI GLOTIS... (un sclip di buine fonetiche furlane)


L'auguri pes fiestis di Nadâl al sune cussì par talian: “buon Natale e buon anno nuovo” /'bwon na'tale e 'bwon 'anno 'nwovo/. Il stes salût par furlan al sune: “bon Nadâl e bon an cu ven” /'boŋ na'da:l e 'boŋ 'aŋ cu 'veŋ/, li che si viôt che l'ene in fin di peraule al sune /ŋ/, nasâl palatâl che al finìs cuntun colput di glotis compagn dal inglês -ing /-iŋ/ (jogging /'dzoggiŋ/). Intal principi di silabe l'ene par furlan al è nasâl alveolâr come par talian (Nadâl /na-/). L'ene al devente palatâl no dome in fin di silabe, ma ancje denant di une consonant che si cjate te stesse silabe: “tant” /'taŋt/, “int” /'iŋt/, e tal dopli ene: “inneât” /iŋ-ne'a:t/. Chestis carateristichis a son tant inlidrisadis, che il furlan di marilenghe, fevelant par talian, l'auguri di prime lu dîs: /'bwoŋ na'tale e 'bwoŋ 'ano 'nwovo/ dismenteantsi ancje dal ene dopli. Par cuintri il natîf talian, che si piche di savê il furlan, al disarà: /'bon na'dal e 'bon 'an cu'ven/, magari cence slungjâ l'a di Nadâl. Il talian po stâi che al sinti chest sun dal ene tant barbar, che al cîr di parâlu fûr ancje de lenghe taliane, cuant che al preferìs dî: “anfora” /'amfora/, impen di /'aŋfora/, “enfasi” /'emfasi/, “anfetamina” /amfeta'mina/ (ta chest câs si ciate scrit parfin “amfetamina”!), “anfibio” /am'fibio/ e v.i.. Dut câs il furlan al somee pandi un disasi compagn, se une volte al scriveve «in pen» e «in-pen», prime di rivâ a scrivi «impen».

La fonetiche taliane al pâr che e vedi aromai condizionât la grafie furlane: si cjate scrit -mp- e -mb- cuant che la pronunzie e je /ŋp/ e /ŋb/ (“impen”, “cjamp”, “cambiament”, “compagn”, “cumbinazion”). La grafie taliane e à influenzât ancje la nasâl palatâl -gn- /ņ/ che si pronunzie e si scrîf come par talian in cuarp di peraule: “ognidun” /oņi'dun/, “montagne” /moŋ'taņe/, “bisugne” /bi'suņe/; ma in fin di peraule al sucêt alc altri. Si cjate scrit: “bagn”, “ragn”, “vuadagns”, “agns” e si sint a dî: /'baņ, 'raņ, vua'daņs, 'aņs/ inte stesse maniere dal talian, cuant che pal Friûl ancje ta chest câs si sint chel colput carateristic di glotis: /'baiŋ, 'raiŋ, vua'daiŋs, 'aiŋs/.

Cun chest discorsut si vûl sclarî la motivazion di vê doprât inte traduzion de Divine Comedie (sveant cualchi jespâr) tiermins fossii sicu “dissegn”, “legn”, “inzegn”. Nol covente culì ribadì che a son tiermins unevorone documentâts, e tant mancul che Dante nol mancje di doprâ bondance di peraulis arcaichis par motivazions prosodichis. Si varès invezit - par rispiet ae prosodie furlane - di lei chestis peraulis no daûr la fonetiche taliane: /dis'seņ, 'leņ, in'dzeņ/, ma daûr chê furlane: /di'sseiŋ, 'leiŋ, iŋ'zeiŋ/. La stesse racomandazion e vâl par dutis chês peraulis normalmentri dopradis tal furlan scrit di vuê che a finissin par -gn, sicu “argagn” /ar'gaiŋ/, “impegn” /iŋ'peiŋ/, “bisugn” /bi'suiŋ/, “bogns” /'boiŋs/, “agns”/'aiŋs/, e v. i..



07/10/20

ARMONIE DI LÛS

 


Par viodi cemût che e nas la musicalitât dal viers dantesc bisugne partî de analisi no tant dal Infier o dal Purgatori, dulà che al predomine l’ausili di un panorame ancjemò naturalistic, ma dal Paradîs, dulà che e comande la lûs, in dutis lis gradazions di intensitât e di colôrs. Emblematics a son i cjants dal cîl dal Soreli e in particolâr il Diesimcuart, che la critiche dantesche e definìs cjant de lûs e de resurezion.

Te prime part dal cjant (vv. 1-78) si fevele de luminositât dai beâts cuant che a varan di gnûf i lôr cuarps; daspò si trate de aparizion, dongje des coronis concentrichis comparidis tai cjants precedents, di un bleon di lûs di altris spirts sapients. Te seconde part (vv. 79-139) Dante al va sù tal cîl di Mart, li che a comparissin i spirts combatents e muarts pe fede, disponûts in forme di crôs che sore i lusigne la figure di Crist crucifìs.

La lûs e à in dute la Comedie, e specialmentri tal Paradîs, part preminente, e in dute la estension dal XIV a predominin figuris e peraulis di lûs. E no si trate dome di chê lûs che e je la essence di Diu, “foco d’amor, lume del cielo” (Rime, CV 11) o che si stempere tal font di aur des pituris dal doi e tresinte: dute la Divine si fonde sul rapuart Diu-lûs, e par cuintri sul rapuart scuretât-pecjât, ma al è evident che cheste lûs, intensificade tal riunîsi cul cuarp, e je soredut resurezion. Dante al à fede ferme te resurezion dal cuarp, che e je pussibil dome parcè che al è resurît Crist. Dut il complès impast di lûs, cjant e danze dal cjant XIV (la melode dal v. 122) e je une laude a Diu resurît e vitoriôs de muart. Al è ancje un impast di armoniis, che a fasin bacilâ la presince umane di Dante: “Ben m’accors’io ch’elli era d’alte lode, / però che a me venìa ‘Resurgi’ e ‘Vinci’ / come a colui che non intende e ode” (vv. 124-126). Resurgi e Vinci a son lis unichis peraulis che in cheste situazion al percepìs Dante, cjapât di svaniment mistic. E a son peraulis che a dan colôr a dut il cjant. Al dîs une vore ben U. Bosco: “Il rapimento religioso del poeta si esprime con maggior purezza nella fitta trama di parole che si riferiscono variamente alla luce, delle quali il canto è contesto. Qui il dato teologico non è semplice supporto o punto di partenza della poesia, come avviene in altri casi, ma è poesia esso stesso: poesia, direi, la più incorporea, che nasce da un susseguirsi e intrecciarsi e rafforzarsi e smorzarsi e ritornare di note, cioè di parole; una liricità rappresa in parole e suoni, che valgono non tanto ciascuno per sé, quanto per la intensità che ciascuno ritornando conferisce al tutto” (Introd. a Pd. XIV). Peraulis che si puedin dî propit ancje par une composizion musicâl, e che a confermin la musicalitât de struture compositive e il timbri musicâl di ogni cjant de Comedie.

Pal letôr-tradutôr altretant impuartant al è stâ daûr ai aspiets stilistics: dongje di pas plui sustignûts a son metûts pas plui modests. Par esempli il cjant diesimtierç, incentrât su sutilis cuestions teologjichis, si siere cuntun riferiment colocuiâl ae presunzion popolâr di cognossi la justizie divine (Pd XIII vv.139-142):


Non creda donna Berta e ser Martino,

E che madone Berte e sar Martin,

per vedere un furare, altro offerere,

se a viodin un robâ o un gramâsi,

vederli dentro al consiglio divino;

no pensin di savê il consei divin;

ché quel può surgere, e quel può cadere.

che il lari al pues pintîsi, e il bon danâsi.


27/03/20

LA VERE NOBILTÂT (Conv. IV; Contra-li-erranti)


Le dolci rime d’amor ch’i’ solia
Lis dolcis rimis di amôr che jo o usavi
cercar ne’ miei pensieri,
cirî tai miei pinsîrs, o scuen lassâlis;
convien ch’io lasci; non perché non speri
no parcè che mi mancji la sperance
ad esse ritornare,
di tornâ a praticâlis,
ma perché li atti disdegnosi e feri,
ma parcè che la estrose stravagance
che ne la donna mia
che si viôt in madone,
sono appariti, m’han chiusa la via
mi à di chi indenant sierât il mût
de l’usato parlare.
di esprimimi che o jeri abituât.
E poi che il tempo mi par d’aspettare,
E mi pâr il moment ancje rivât
disporrò giù lo mio soave stile,
di meti in bande il stîl soâf che o amavi
ch’i’ ho tenuto nel parlar d’amore;
doprâ cuant che o tratavi dal amôr;
e dirò del valore,
e inveci o disarai
per lo qual veramente l’omo è gentile,
di chel valôr che al pues rindi zentîl
con rima aspr’ e sottile;
un om, doprant un stîl
riprovando ’l giudicio falso e vile
plui ruspi e sutîl, par sfantâ il judici
di quei che voglion che di gentilezza
di chei che a vuelin che la nobiltât
sia principio ricchezza.
e nassi de ricjece.
E, cominciando, chiamo quel signore
Par començâ, o clami a testemoni
ch’a la mia donna ne li occhi dimora,
il siôr di veretât, che al à dimore
per ch’ella di sé stessa s’innamora.
tai voi di je, che di se si inamore.


Tale imperò che gentilezza volse,
Al scrupulave il tierç vint di Soave,
secondo il suo parere,
che nobiltât e fos
che fosse antica possession d’avere
antighe proprietât di bens e blave,
con reggimenti belli;
cun fine educazion;
e altri fu di più lieve savere,
e cui che al veve lis clâfs dal so cûr,
che tal detto rivolse,
al steve te midiesime opinion,
e l’ultima particula ne tolse,
ma la finece le tignive fûr,
ché non l’avea fors’elli!
co a lui forsi i mancjave!
Di retro da costui van tutti quelli
Daûr di chest sutîl mût di pensâ
che fan gentile per ischiatta altrui
a van ducj chei che nobil e zentîl
che lungiamente in gran ricchezza è stata;
a fasin cui che al ten antighe sclibe
ed è tanto durata
e ben sodât bielstâ;
la così falsa oppinion tra nui,
e tant fondade e je cheste opinion,
che l’uom chiama colui
che in dì di vuê zentîl
omo gentil che può dicere: «Io fui
si riten il barîl che al pues dî: «O soi
nepote, o figlio, di cotal valente»,
nevôt, o fi, di chel grant om potent»,
benché sia da niente.
ancje se nol vâl nuie.
Ma vilissimo sembra, a chi ’l ver guata,
Cetant vîl che al somee, pal om atent,
cui è scorto ’l cammino e poscia l’erra,
cui che i mostrin la strade e po si piert,
e tocca a tal,ch’è morto e va per terra!
tant che un muart che al cjamine tal desert!