17/05/16

IL SARTÔR



Crune  If XV 16-21


incontrammo d’anime una schiera ... o intivarin ombris su chê piere,
che venian lungo l’argine, e ciascuna che incuintri nus vignivin, e ognidune
ci guardava come suole da sera cjalantnus tant che al capite di sere




guardare un altro sotto nuova luna; di cjalâsi daprûf, tal gûf di lune;
e sì ver’ noi aguzzavan le ciglia e viers di nô a spiçavin voli e cee
come ‘l vecchio sartor fa con la cruna. come vieli sartôr parmìs la crune.




Te lenghe di Dante crune (forsi di c o r ō n a m “cercli”) - tant che te lenghe d’oil chas (di c a p s u m “buse”) - e je peraule che di bessole e indiche la buse de gusiele, cuant che in tantis lenghis par chest sintagme si à di ricori a locuzions che a tirin dentri dispès elements anatomics umans: in spagnûl e in inglês il voli (ojo de agujaeye of a needle); in todesc la orele (nadelöhr). 


In furlan, ancje se in sartorie nol compuarte nuie di triviâl, il cûl de gusiele e je une locuzion pôc elegante; tant vâl alore doprâ il tiermin dantesc, un neologjisim che si preste cun buine dutilitât a rindi tantis sflandorosis metaforis de Comedie:

Pg X 13-16


E questo fece i nostri passi scarsi, E dut chest al à fat si che il cjamin
tanto che pria lo scemo de la luna al fos par nô tant scjars, che il plet de lune
rigiunse al letto suo per ricorcarsi, al jere prime al jet di amont vicin,
che noi fossimo fuor di quella cruna.
ch’o fossin nô saltâts fûr di chê crune.  

Pg XXI 37-39

Sì mi diè, dimandando, per la cruna
Cussì mi ve metût il fîl te crune
del mio desio, che pur con la speranza dal desideri, co sôl di sperance
si fece la mia sete men digiuna. si beverave la mê sêt dizune.

Nessun commento:

Posta un commento

coments